::.interviste ai librai.::
ELENA GIOVANACCI

Nome: Elena
Cognome: Giovannacci
Data di nascita: 1917
Luogo di nascita: -
Professione: -
Data dell'intervista: 1 settembre 1999
Luogo dell'intervista: Montereggio, Mulazzo (MS)
Durata dell'intervista: 1 ora circa
Intervistatore: Mario Pegollo
Trascrittore: Marcello Paolocci
Supporto: Minidisc
Dove Ë conservato l'originale: Comune di Mulazzo
†Un estratto dell'intervista a ELENA GIOVANNACCI

Dormivano sul carro, avevano un materasso, se lo portavano dietro e lo stendevano la sera e di dietro ci mettevano le casse dei libri, quando mettevano dentro il banco e su ci met-tevano il materasso e poi ci dormivano in due. Mio papà e mio nonno andavano via da soli, mio papà ha portato via anche mia mamma e ci piaceva poverina andarci ma poi c’aveva i figli, ogni due o tre anni aveva un figlio e allora non poteva andare nel carro con il bambino piccolo. Quelli che rimanevano a casa lavoravano i terreni, mia mamma ci andava anche lei, aveva una cognata che non era sposata, ci lasciava i bambini a guardare poi veniva a casa quando era mezzogiorno, ci preparava da mangiare quella cognata. Nei campi seminavano di tutto, il grano, il formenton noi lo chiamiamo: il granturco, le patate, i piselli, tutto quello che si poteva avere. Però gli orti come ci sono adesso non c’erano allora, gli ortaggi, tutta la ver-dura come facciamo adesso non c’era; seminavano due cipolle, un po’ d’aglio. Raccoglievano le castagne, d’inverno le macinavano, mangiavano la polenta di castagne, la pattona, si chia-mava la pattona, si faceva nei testi. Di carne se ne mangiava poca, se non ne avevano in casa da ammazzare, a prendere la carne non ci andavano; non c’era il benessere per il mangiare qua, c’era miseria.